INSTITUTE 0.1

Collettivo coreografico Sloveno che accoglie per l’ occasione il coreografo italiano Fabio Liberti. Molto conosciuto in Danimarca per le sue fruttuose collaborazioni con New Danish Dance Theater non è solo un danzatore di talento, ma anche un coreografo pluripremiato scelto per partecipare al Concorso per la Corografia Masdanza e primo premio all’International Choreographic Warsaw Zamirowania Dance in Polonia. “Don’t Kiss”, coreografia centrale del” opera, definisce la relazione maschile della serata, i due protagonisti in questa opera sono uniti alle labbra in un bacio senza fine. Il trasporto della prima ed appassionata fase della relazione caratterizzata da un forte con entusiasmo, attraverso una successiva fase di conflitto, fino a un momento in cui tutto diviene più tenero. Un opera che è stata definita dalla critica “straordinaria”. Nato nel 1981 studia a a Codarts, Rotterdam Dance Academy, Paesi Bassi. Danza con AIEP – Ariella Vidarch, Milano, Teatro San Gallo, Svizzera, Stadttheater Hildesheim, Germania, Conny Janssen Danst, Rotterdam e Balletto Teatro di Torino. Al fianco di Liberti che risiede da anni a Copenhagen, la danzatrice italiana Lucia Pasquini danzatrice del Dansk Danseteater sotto la direzione di Pontus Lidberg danza per Didy Veldman, Marcos Morau, Wubkje Kuindersma, Stephen Shropshire, Alessandro Sousa Pereira, Paolo Santilli, Francesca Frassinelli, Mauro Astolfi, Edhem Jesenkovic, Tim Rushton, Fabio Liberti, Idan Sharabi, Natalia Horecna, Sebastian Kloborg.

Pin It on Pinterest

Share This